Vittoria di APN e Asgi contro la discriminazione!

Scuola, il Tribunale di Milano dichiara discriminatorio il bando del MIUR sulle graduatorie per i supplenti : possono accedere anche gli insegnanti stranieri

Il requisito della cittadinanza italiana o comunitaria per l’accesso alle graduatorie di III fascia è illegittimo. Accolto il ricorso di APN, ASGI e CUB SUR. Illegittima anche la clausola di priorità nell’insegnamento delle lingue straniere assegnata agli insegnanti italiani .

Il Tribunale di Milano – accogliendo il ricorso proposto da ASGI, APN e CUB SUR Scuola Università Ricerca –  ha dichiarato discriminatorio  il bando del MIUR (DM 353/2014) per la  formazione delle graduatorie triennali di circolo e di istituto per le supplenze di insegnamento, nella parte in cui prevede il requisito della cittadinanza italiana e comunitaria.

Tale diritto è, dunque,  garantito chiaramente da disposizioni di legge nazionali e comunitarie che dovrebbero essere conosciute ed applicate da tutta la Pubblica Amministrazione in base alle quali possono partecipare ai concorsi pubblici ed essere assunti nella Pubblica Amministrazione :

–      i familiari di cittadini comunitari, lungosoggiornanti, rifugiati politici e titolari di protezione sussidiaria (che nell’insieme rappresentano piu del 60% degli stranieri residenti in Italia) ;

–      gli stranieri “altamente qualificati” cioè i titolari di cd “carta blu” ;

–      i familiari stranieri di cittadini italiani) per le quali esistono altre disposizioni comunitarie o nazionali.

La continua violazione da parte di molte pubbliche amministrazioni locali o nazionali delle norme sull’accesso degli stranieri al pubblico impiego è stata ripetutamente segnalata anche al Dipartimento della funzione pubblica e all’Ufficio Nazionale contro le Discriminazioni (UNAR).

In questo contesto, inoltre,  appare quanto mai sorprendente ma significativa la presenza nel Bando della  specifica clausola che prevedeva (“inspiegabilmente” afferma il Giudice, che l’ha giudicata anch’essa illegittima) la precedenza degli italiani nelle graduatorie per le supplenze di conversazione in lingua straniera, le uniche alle quali gli stranieri erano già stati ammessi, se pure in posizione subordinata.

Il Giudice ha ordinato la riapertura dei termini per proporre domanda e la conseguente riformulazione della graduatoria che comporterà inutili disagi per i candidati e per la stessa Pubblica Amministrazione.

Le associazioni e le Organizzazioni Sindacali ricorrenti confidano che con questa  vicenda (nella quale il MIUR era già incorso per un bando per il personale non docente, poi modificato senza necessità dell’intervento del Giudice) si possa definitivamente chiudere la faticosa fase di non applicazione delle norme in tema di accesso degli stranieri al pubblico impiego che hanno rappresentato un significativo passo (finora rimasto poco attuato) per l’adeguamento della nostra legislazione all’ordinamento  comunitario.

ASGI associazione studi giuridici sull’immigrazione, APN Avvocati per niente ONLUS, CUB SCUOLA UNIVERSITÀ RICERCA

Di seguito l’ordinanza del Tribunale:

Tribunale di Milano, sez. lavoro, 4.3.2015, est. Perillo, ASGI, APN, CUB SUR

(avv. Guariso e Marzolla) c. MIUR (contumace)

Pubblico impiego – bando MIUR per la formazione di graduatorie per le supplenze – previsione del requisito della cittadinanza italiana o comunitaria – discriminazione – sussiste – conseguenze – ordine al MIUR di riaprire i termini e ammettere le categorie di stranieri previste dall’art. 38 dlgs 165/01 nonché titolari di carta blu e familiari stranieri  di  cittadini italiani

Costituisce discriminazione il comportamento del MIUR consistente nell’aver emesso il bando per l’accesso alle graduatorie di circolo e d’istituto per le supplenze di insegnamento riservando l’accesso ai soli cittadini italiani e comunitari, escludendo quindi gli stranieri che hanno diritto all’accesso al pubblico impiego in forza di  disposizioni nazionali o comunitarie e prevedendo che gli stranieri ammessi in terza fascia per l’insegnamento della lingua straniera siano collocati in posizione subordinata rispetto agli italiani. Conseguentemente il MIUR deve essere condannato a riaprire i termini per l’ammissione, ammettendo alla graduatoria –  a parità di condizione con gli italiani e senza alcuna posizione subordinata rispetto agli italiani –   non solo le categorie di stranieri di cui all’art. 38 Dlgs 165/01 (lungosoggiornanti, titolari dello status di rifugiato o di protezione sussidiaria, familiari di cittadini comunitari) ma anche i titolari di carta blu e i familiari non comunitari di cittadino italiano,  nonché a pubblicare la decisione giudiziale sul proprio sito istituzionale. 

,