LE AZIONI DI APN IN MATERIA DI DISCRIMINAZIONE PER NAZIONALITA’

4 dicembre 2018 – COMUNICATO STAMPA

DISCRIMINATORIA LA DELIBERA DELLA REGIONE LOMBARDIA SUL “FONDO AFFITTI”: GLI STRANIERI ILLEGITTIMAMENTE ESCLUSI SARANNO ORA AMMESSI ALLA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE.

La Corte d’Appello di Milano ha deciso su una causa proposta da una cittadina di El Salvador e dalle Associazioni ASGI e APN, che era in precedenza finita anche davanti alla Corte Costituzionale: il requisito, richiesto dalla Regione, dell’esercizio di regolare attività lavorativa e della residenza in Regione per almeno 5 anni, è illegittimo e gli stranieri devono essere ammessi a parità di condizione con i cittadini italiani.

La vicenda riguarda il “fondo sostegno affitti” un contributo economico alla locazione riservato alle famiglie in condizioni di povertà (cioè con meno di 7000 euro di ISEE) introdotto con L. n. 431/1998 poi modificata con L. n. 133/2008. Il contributo consentiva alle famiglie di ottenere una somma pari a due canoni di locazione, con un massimo di 1200 euro.

Nel predisporre il bando la Regione Lombardia aveva indicato, per gli stranieri, il requisito della residenza di almeno 10 anni nello Stato o 5 nella regione che era effettivamente previsto dalla L. del 2008 e aveva anche aggiunto, sempre per i soli stranieri, il requisito della “regolare attività lavorativa”.

La Corte d’Appello di Milano aveva sollevato la questione di illegittimità costituzionale della norma e la Corte Costituzionale, con sentenza n. 166/18, ha dichiarato l’irragionevolezza e dunque l’incostituzionalità del requisito di lungo-residenza.

Il giudizio è quindi ripreso davanti alla Corte d’Appello, che con il dispositivo di sentenza emesso oggi (presidente dr. Picciau, giudici a latere dr.ssa Dossi e dr.ssa Bove) ha dichiarato discriminatorio anche il requisito dell’esercizio di regolare attività lavorativa, ordinando alla Regione di ammettere gli stranieri al beneficio, a parità di condizioni con i cittadini italiani.

Ora la Regione dovrà riformulare il bando, garantendo l’uguaglianza tra italiani e stranieri e consentendo la presentazione di nuove domande.

ASGI e APN, che nel giudizio erano difesi dagli avvocati Alberto Guariso e Livio Neri, sottolineano che la decisione della Corte milanese, e prima ancora quella della Corte Costituzionale, rappresentano un ulteriore passo verso una effettiva uguaglianza tra italiani e stranieri che dà applicazione a uno dei principi fondanti della nostra democrazia , che garantisce effettiva integrazione tra le diverse comunità e con essa il progresso sociale, contrastando le tendenze di una parte della politica a creare divisione e contrapposizioni sulla base della cittadinanza.

ASGI e APN invitano la Regione a dare immediata applicazione alla decisione e le organizzazioni degli inquilini a vigilare affinché i soggetti stranieri ricevano una adeguata informazione e possano presentare domanda secondo i nuovi requisiti egualitari imposti dalla decisione giudiziaria.

APN – Associazione Avvocati per Niente onlus

ASGI – Associazione studi Giuridici sull’immigrazione


23 novembre 2018 – COMUNICATO STAMPA

I COMUNI DI INZAGO, COLOGNO MONZESE E GALLARATE CONDANNATI PER DISCRIMINAZIONE IN DANNO DEI RICHIEDENTI ASILO.

Secondo il Tribunale di Milano, adottare le ordinanze sindacali sulla base della presunta pericolosità dei richiedenti asilo costituisce molestia discriminatoria per ragioni etniche e razziali; i comuni condannati a pubblicare la decisione e a risarcire il danno.

La vicenda esaminata dal Tribunale di Milano nasce nel settembre 2017 allorchè numerosi Sindaci leghisti avevano adottato un unico modello di “ordinanza sindacale contingibile e urgente” con la quale avevano imposto una serie di oneri procedimentali a tutti i privati che intendessero mettere a disposizione i propri immobili per attività di accoglienza dei richiedenti asilo mediante convenzioni con la Prefettura.

Dopo pochi mesi, gran parte delle ordinanze erano state revocate a seguito di interventi dei Prefetti che avevano segnalato l’illegittimità delle ordinanze e in qualche caso avevano anche proposto ricorso al TAR contro i Comuni.

Anche ASGI, NAGA e APN, assistite dagli avvocati Alberto Guariso e Livio Neri, avevano proposto ricorso contro i Comuni che non avevano tempestivamente revocato le ordinanze (in Lombardia INZAGO, COLOGNO MONZESE, GALLARATE e altri in provincia di Bergamo) facendo valere il carattere discriminatorio delle ordinanze che qualificavano la presenza dei richiedenti asilo come un pericolo per la salute pubblica e la sicurezza urbana.

Questa impostazione è stata pienamente accolta dal Tribunale di Milano (I sezione, giudice dott.ssa Paola Gandolfi, ordinanze del 21 e 22 novembre) che ha accertato il carattere discriminatorio delle ordinanze, ha condannato i Comuni a pubblicare la decisione su “La prealpina” e sul sito del Comune e a un risarcimento del danno “da discriminazione” nella misura simbolica di 1000 euro a favore di ciascuna associazione.

Le associazioni che hanno proposto ricorso esprimono soddisfazione per questa decisione che mette un freno a quell’opera di diffusione della paura e della avversione nei confronti dei richiedenti asilo perseguita da alcune forze politiche e spesso anche dalle istituzioni e che rischia di condurre alla demolizione del sistema di accoglienza.

ASGI – Associazione studi Giuridici sull’immigrazione

NAGA – Associazione volontaria di assistenza socio-sanitaria e per i diritti dei cittadini stranieri, rom e sinti

APN – Associazione Avvocati per Niente onlus


19 novembre 2018 – ASSEGNO AI NUCLEI FAMILIARI CON ALMENO TRE FIGLI MINORI

In data 19 novembre 2018 il Tribunale di Milano, nel procedimento promossoda Associazione  Avvocati per Niente Onlus (Apn) e Associazione StudiGiuridici sull’Immigrazione (ASGI):

– accerta e dichiara il carattere discriminatorio della condotta del Comune di Milano consistente nell’aver introdotto requisiti non previsti dalla normativa sopra indicata per poter beneficiare del cd. “assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori”;

–ordina al Comune di Milano di eliminare la condotta discriminatoria attraverso l’estensione del beneficio assistenziale denominato “assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori” agli stranieri, regolarmente presenti in Italia, residenti nel Comune di Milano, che ne facciano domanda e che siano titolari di permesso unico lavoro e ai familiari non-comunitari di cittadini dell’Unione;

–ordina al Comune di Milano la pubblicizzazione dell’ampliamento del novero dei beneficiari del “assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori” attraverso la pubblicazione di una nota informativa sull’home page del proprio sito internet;


20 luglio 2018 – INCOSTITUZIONALE IMPORRE AGLI STRANIERI IL REQUISITO DI LUNGO-RESIDENZA PER ACCEDERE AL FONDO DI SOSTEGNO ALL’AFFITTO

Con sentenza 166 depositata il 20.7.18 la Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 11, comma 13, DL. 25.6.08 n. 112 che aveva introdotto, per l’accesso degli stranieri a un fondo per il sostegno alla locazione delle famiglie povere, il requisito di 10 anni di residenza nello Stato o 5 anni nella Regione.

11 giugno 2018 – MEDIATORI CULTURALI DEL MINISTERO GIUSTIZIA

Ministero della Giustizia, Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria-Concorso pubblico per esami per il profilo professionale di funzionario mediatore culturale. Il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso presentato da APN – Avvocati per Niente Onlus e ASGI – Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione e ha dichiarato il carattere discriminatorio del comportamento del Ministero nella parte in cui prevede tra i requisiti per l’accesso al concorso la cittadinanza italiana. La Sentenza

6 giugno 2018 – MOLESTIE RAZZISTE

Condannato il Sindaco di Albettone per “molestie” discriminatorie. Il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso presentato da APN – Avvocati per Niente Onlus e ASGI – Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione e ha dichiarato il carattere discriminatorio delle dichiarazioni rese dal sindaco, con condanna al risarcimento del danno alle associazioni – La Sentenza

15 maggio 2018 – PREMIO ALLA NASCITA

Premio nascita di cui all’art. 1, comma 353 della L. 232/2016 a tutte le mamme straniere regolarmente soggiornanti.
La Corte d’appello di Milano ha respinto l’appello dell’INPS contro l’ ordinanza del Tribunale di Milano che – accogliendo un ricorso di ASGI, APN e Fondazione Piccini – aveva ordinato all’Istituto di riconoscere il premio nascita a tutte le mamme straniere regolarmente soggiornanti e non soltanto alle mamme lungosoggiornanti o titolari di protezione internazionale come preteso dall’INPS con la circolare n. 39/2017. La Sentenza

8 maggio 2017 – ASSEGNO FAMIGLIE NUMEROSE

La Corte di Cassazione con sentenze n. 11165 e 11166 del 8 maggio 2017, ha riconosciuto il Diritto all’assegno al nucleo familiare di cui all’art. 65 l. n. 448/1998 agli stranieri soggiornanti di lungo periodo anche per il periodo antecedente il luglio 2013 per il quale l’INPS e il Ministero del Lavoro negavano il diritto per asserita mancanza di copertura finanziaria da parte della L. 97/2013 di recepimento della direttiva 2003/109/CE. Le sentenze hanno anche riconosciuto la legittimazione attiva di APN nelle cause per discriminazione dello straniero: 

La Sentenza n.11166 – La Sentenza n.11165

8 maggio 2017 – ASSEGNO FAMIGLIE NUMEROSE

La Corte di Cassazione con sentenze n. 11165 e 11166 del 8 maggio 2017, ha riconosciuto il Diritto all’assegno al nucleo familiare di cui all’art. 65 l. n. 448/1998 agli stranieri soggiornanti di lungo periodo anche per il periodo antecedente il luglio 2013 per il quale l’INPS e il Ministero del Lavoro negavano il diritto per asserita mancanza di copertura finanziaria da parte della L. 97/2013 di recepimento della direttiva 2003/109/CE. Le sentenze hanno anche riconosciuto la legittimazione attiva di APN nelle cause per discriminazione dello straniero.


2017 – ORDINANZE COMUNALI “ANTI-RICHIEDENTI ASILO”

Lettera ai prefetti di Milano, Brescia, Bergamo, Lecco e Varese per intervenire sulle ordinanze che sono state adottate – sulla base di un modello unico diffuso dal partito di governo in questi comuni – da molti sindaci della Lombardia in materia di accoglienza dei richiedenti asilo. A seguito dell’intervento del Prefetto – sollecitato anche con detta lettera – tutti i comuni hanno poi revocate le ordinanze.


7 novembre 2016 – FONDO AFFITTI

Ordinanza della Corte d’Appello di Milano di remissione alla Corte Costituzionale – Dichiara non manifestamente infondata in relazione all’art. 3 Cost. la questione di legittimità’ costituzionale dell’art. 11 co.13 d.l. n. 112/2008 convertito in legge n. l33/2008 – riparto Fondo nazionale per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione – previsione per gli immigrati del possesso del certificato storico di residenza da almeno dieci anni nel territorio nazionale ovvero da almeno cinque anni nella medesima regione:
GU 1a Serie Speciale – Corte Costituzionale n.13 del 29-3-2017

L’udienza avanti la Corte Costituzionale si è poi tenuta il 20.6.2018 e si è in attesa del deposito della sentenza.


5 aprile 2016 – SERVIZIO CIVILE

La Corte di Cassazione Sezioni Unite, a seguito della pronuncia della Corte Costituzionale sulla questione, ha affermato il principio che l’apertura al servizio civile è per tutti i cittadini stranieri che risiedono regolarmente in Italia. È discriminatorio escluderli.


5 marzo 2015 – ACCESSO ALL’INSEGNAMENTO

Supplenze di insegnamento – Il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso presentato da APN – Avvocati per Niente Onlus, ASGI – Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione, CUB SCUOLA- UNIVERSITA’-RICERCA, e dichiarato discriminatoria la previsione del requisito della cittadinanza italiana o comunitaria per l’accesso alle graduatorie di circolo o di istituto per le supplenze di insegnamento (art. 3 co.1 lett.a) DM 353/2014).


1 agosto 2009 – ACCESSO AGLI ALLOGGI UNIVERSITARI

Il Tribunale di Milano ha dichiarato discriminatorio escludere gli studenti stranieri dal bando di concorso agli alloggi universitari della Provincia di Sondrio.


20 luglio 2009 – ACCESSO ALLA MANSIONE DI AUTISTA ATM

Il Tribunale di Milano ha dichiarato discriminatoria la richiesta della cittadinanza italiana tra i requisiti di selezione dalle offerte di lavoro e dalle proposte di assunzione da parte di A.T.M. Milano S.p.A

La norma che prevedeva il requisito della nazionalità per l’accesso alla mansione di autista è stata poi abrogata dalla L. 97/13.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi